Obiettivo 13 degli SDG’s: climate change

Questo obiettivo mira a “promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico.

Come si legge sul sito delle Nazioni Unite: “ il cambiamento climatico interessa i paesi di tutti i continenti. Sta sconvolgendo le economie nazionali con costi alti per persone, comunità e paesi oggi, e che saranno ancora più gravi domani”.

Questo è esattamente ciò che dicono gli scienziati e i ragazzi. Noi infatti scendiamo in piazze sia virtuali che reali da due anni ormai.

Molte persone stanno sperimentando gli effetti del riscaldamento globale, eventi metereologici estremi, innalzamento dei mari (e conseguente perdita delle loro abitazioni) così come malattie da inquinamento.

Il motore del climate change sono le emissioni di gas a effetto serra che, attualmente, hanno raggiunto i livelli più alti della storia. Probabilmente la temperatura aumenterà di 3 gradi in questo secolo e alcune aree del pianeta sono destinate a scomparire per sempre.

Gli obiettivi previsti dall’ONU in materia sono:

  • Rafforzare la capacità di ripresa e adattamento ai rischi legati ai disastri naturali
  • Integrare le misure di cambiamento climatico nelle politiche, strategie e pianificazione nazionali
  • Migliorare l’istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana e istituzionale per quanto riguarda la mitigazione del cambiamento climatico, l’adattamento, la riduzione dell’impatto e l’allerta tempestiva
  • Rendere effettivo l’impegno assunto dai partiti dei paesi sviluppati verso la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico
  • Promuovere meccanismi per aumentare la capacità effettiva di pianificazione e gestione di interventi inerenti al cambiamento climatico nei paesi meno sviluppati.

Nonostante questi piani che sembrerebbero perfetti per fronteggiare la situazione, io e molti ragazzi come me, non ci sentiamo affatto sicuri. Abbiamo visto gli esiti di COP25 e di come il problema venga in continuazione rimandato.

Nel prossimo articolo vedremo cosa ha fatto, sta facendo e farà l’Italia. Nel frattempo fatemi sapere il vostro punto di vista e la vostra posizione!

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *